Warning Warning: I am able to write to the configuration file: /web/htdocs/www.classicaviva.eu/home/catalog/includes/configure.php. This is a potential security risk - please set the right user permissions on this file.
  Home » Catalog » Mp3 Files » New recordings » MP3-25 My Account  |  Cart Contents  |  Checkout   
Quick Title Search
 
Use keywords to find the product you are looking for.
Advanced Search
Categories
CD Audio (9)
Concerts > (21)
Mp3 Files > (196)
  New recordings (186)
  Historic recording (10)
AudioBooks > (42)
Books > (6)
Sheets > (24)
Subscription (10)
What's New? more
L'acqua se il buio
L'acqua se il buio
12,00EUR
Payment Methods


Information
F.A.Q.
Privacy Notice
Conditions of Use
Contact Us
F. Liszt - Sonata in Si minore
[MP3-25] [Scarica l'anteprima]
2,00EUR
______________________
Genre: Romantic Music;
Author: Liszt, Franz (1811-1886);
Organico: Instrument Solo;
Instrument: Piano;
Player: Francese, Paolo;

Sonata in Si minore di Franz Liszt, pianista Paolo Francese "Sonata in Si minore, di Franz Liszt"

La sterminata produzione artistica di Franz Liszt (1811-1886) abbraccia buona parte dei generi musicali correnti nell'Ottocento: potrebbe apparire quindi singolare che in un tale poderoso insieme figuri una sola Sonata per pianoforte (composta nel 1852-53). Conoscendo anche solo un po' la figura e gli ideali del grande pianista e compositore ungherese, invece, si comprende facilmente il perché di una sola Sonata, di un pezzo unico in tutto e per tutto, anche nella struttura formale.

L’annoso problema dell’esaurirsi della vitalità delle forme ampie, quali la sonata e la sinfonia, fu molto pressante nella mente di Franz Liszt, specie dopo che questi lasciò la carriera di virtuoso del pianoforte per ritirarsi alla corte di Weimar, dove si dedicò alla composizione e si adoperò per far conoscere le nuove correnti d’avanguardia della musica. La soluzione che si offrì alla sua mente fu la medesima sia per le composizioni orchestrali che per il pianoforte: la ‘forma ciclica’, che consentiva di porsi sulla scia della forma sonata adottandone e, al tempo stesso, modificandone i principi costitutivi. Un solo movimento di ampie proporzioni riassumeva in sé, cioè, la tradizionale tripartizione della forma sonata (esposizione, sviluppo e ripresa) assieme alla suddivisione in più movimenti, trovando una nuova unità ed omogeneità attraverso il principio dell’elaborazione tematica (altro debito nei confronti di Beethoven).

Creatore del Poema Sinfonico, cioè di qualcosa che si pone decisamente contro la costruzione "illuministica" della forma-sonata (e contro la stessa Sinfonia, che della forma-sonata è talvolta sublime dilatazione), Liszt si cimenta con la composizione di una Sonata tenendo conto solo in minima parte dei presupposti formali che questo tipo di creazione artistica comporta. D'altronde le ultime Sonate di Beethoven, come è ampiamente risaputo, possono essere definite "Sonate" solo fino a un certo punto, e così Liszt pare tener conto della lezione beethoveniana, ma per creare qualcosa d'altro ancora.

Egli infatti affronta la composizione pianistica, come sempre, d'altra parte, e a maggior ragione qui, seguendo del tutto modalità timbriche peculiari della scrittura sinfonica: il pianoforte, aggeggio infernale, non è più uno strumento, ma in mano al virtuosissimo Liszt diviene la condensazione di un' orchestra come nessun altro prima ha fatto.

D'altronde, Liszt quando affronta la composizione della Sonata ha già al proprio attivo i primi Studi di esecuzione trascendentale, le prime raccolte di Années de Pélerinage, e ancora Mazeppa e alcune Parafrasi da opere: tutte musiche che hanno al loro interno un programma, e non si può non riconoscere che anche la Sonata sia influenzata da tale prassi. Dunque quest' opera è un vero e proprio "pezzo unico", più affine al Poema sinfonico che alla musica pianistica di Beethoven, il quale rifugge sdegnosamente (e ne ha ben d'onde, essendo il Romanticismo ai suoi primi vagiti) gli eroici furori lisztiani.

Questo è, forse, il milieu creativo nel quale va inquadrato l'ascolto della Sonata in si minore, composta tra il 1852 e il 1853, pubblicata nel 1854 da "Breitkopf & Hartel" a Lipsia e dedicata a Robert Schumann (che a sua volta nel 1839 gli aveva dedicato la sua Fantasia op. 7). Soppiantata la forma di Sonata, Liszt inserisce una struttura ciclica - ritroviamo un processo affine in Wagner, al quale la Sonata piacque molto, e in Franck - che vede ritornare spunti e temi per tutta l'opera, che combina al suo interno gli elementi musicali del Recitativo, della Fantasia e della Variazione.

Nelle prime diciassette battute della Sonata in Si minore di Liszt, concepita nel 1852-3, è già esposto, infatti, il materiale melodico su cui si fonda l’intera composizione. Assimilabile per la concezione ai poemi sinfonici scritti da Liszt negli stessi anni, in questa sonata è stato spesso cercato un programma letterario e molti vi hanno riconosciuto un riferimento ai personaggi faustiani di Goethe. La sonata sarebbe, cioè, ispirata da un tema caro al compositore: quello del dualismo, dello sdoppiamento della personalità in Faust-Mefisto che ritorna in altre sue composizioni (la Faust Symphonie del 1857 e i Mephisto Valzer). Ma anche senza un riferimento extra-musicale, questa composizione, dedicata a Robert Schumann, rimane un gioiello di coerenza che regge benissimo anche analizzata da un punto di vista puramente musicale. Questa creazione risulta innovativa - oltre che per l'intelaiatura dei quattro temi principali, che si frantumano in una successione agogica che annovera quattordici stacchi di tempo diversi, per non parlare delle innumerevoli indicazioni dinamiche - anche per la libera concezione della tonalità, che diventa qui facilmente ambigua, indugiando sui cromatismi ed evitando le cadenze. La composizione termina con un Lento assai e in pianissimo: quasi un arrendersi del pensiero musicale di fronte al Silenzio. Un finale problematico, moderno, inquietante: del resto tutta la Sonata lisztiana ha un tono drammatico, a tratti macabro, con rari momenti lirici. La musica si estingue in maniera cupa, spettrale, con lo stesso spunto tematico con cui era iniziata, tuttavia lasciandoci increduli, inappagati.

L'interprete

Available Options:
download MP3 64 kbps:
downoload MP3 128 kbps:
[Scarica l'anteprima]
(per salvare il file di anteprima clicca sul link con il
tasto destro del mouse e seleziona "Salva oggetto con nome...")
This product was added to our catalog on martedì 24 gennaio, 2006.
Reviews
Customers who bought this product also purchased
F. Schubert - Sonata in Si bem magg. D 960 - III
F. Schubert - Sonata in Si bem magg. D 960 - III
R. Schumann  - "Kinderszenen" Op. 15 - Completa
R. Schumann - "Kinderszenen" Op. 15 - Completa
Stefano Ligoratti - 11 Variations on "Folia"'s theme
Stefano Ligoratti - 11 Variations on "Folia"'s theme
"Clav. ben Temp.", Libro I - Prel. e Fuga n. 1 - BWV 846
"Clav. ben Temp.", Libro I - Prel. e Fuga n. 1 - BWV 846
G. Rossini - dall'"Otello" - Assisa a piè d'un salice"
G. Rossini - dall'"Otello" - Assisa a piè d'un salice"
"Clav. ben Temp.", Libro I - Prel. e Fuga n. 4 - BWV 849
"Clav. ben Temp.", Libro I - Prel. e Fuga n. 4 - BWV 849
Shopping Cart more
0 items
Languages
Italian English
Manufacturer Info
ClassicaViva
ClassicaViva Homepage
Other products
Notifications more
NotificationsNotify me of updates to F. Liszt - Sonata in Si minore
Tell A Friend
 
Tell someone you know about this product.
Reviews more
Write ReviewWrite a review on this product!

Copyright © 2003 ClassicaViva
Powered by osCommerce